I bambini della famiglia al-Sawarka di Gaza sopravvissuti lottano dopo il raid israeliano

I sopravvissuti della famiglia al-Sawarka [Ali Younes/Al Jazeera)
Share on FacebookTweet about this on Twitter
image_pdfimage_print

Ali Younes

2 dicembre 2019Al Jazeera

Lo scorso mese nove membri della famiglia palestinese sono stati uccisi dopo un attacco israeliano contro la loro casa nella zona centrale di Gaza

Striscia di Gaza – La vita di Noor al-Sawarka è cambiata per sempre la notte in cui l’esercito israeliano ha colpito la casa della sua famiglia nella città di Deir al-Balah, nel centro di Gaza.

Il 14 novembre la dodicenne ha perso i suoi genitori e tre fratelli, dopo che missili israeliani hanno colpito l’abitazione della famiglia a circa 15 km a sud di Gaza City. La dimora, che consisteva in baracche coperte di lamiera ondulata, è saltata in aria in mille pezzi.

L’esercito israeliano ha sostenuto di aver preso di mira la casa di un comandante militare del gruppo armato palestinese Jihad Islamica, un’affermazione immediatamente respinta dalla famiglia delle vittime. Noor dice che, quando ha sentito la prima esplosione, si è ritrovata a correre fuori in campo aperto. “Ho corso più veloce che potevo verso il terreno libero vicino a noi,” racconta ad Al Jazeera. “Non sapevo cosa stesse succedendo e non ho visto altro che un denso fumo nero.”

I suoi occhi si annebbiano quando rifiuta di dire come si sente due settimane dopo il bombardamento che ha reso orfani lei e due fratelli minori.

Anche sua sorella Reem e un fratello, Dia, di 7 e 6 anni, sono sopravvissuti a quella notte. Sul labbro inferiore, il naso e la fronte di Reem sono ancora visibili escoriazioni.

Dopo che sono andata a letto quella notte, ricordo solo di essermi svegliata in ospedale,” racconta. Da allora di notte Reem ha avuto problemi di sonno per il timore che cadano di nuovo bombe su di lei. Afferma di sentire spesso la “zannana”, parola araba per il ronzio che fanno i droni israeliani che sorvolano [la Striscia].

Il bombardamento ha ucciso nove membri della famiglia al-Sawarka: Rasmi Abu Malhous al-Sawarka, 46 anni, la sua seconda moglie Maryam, 45 anni, e tre dei loro 11 figli – Mohannad, 12 anni, Salim, 3 anni, e Firas di tre mesi. 

Anche il fratello minore di Rasmi, il quarantenne Mohamed, e sua moglie Yousra, di 39 anni, sono stati uccisi nell’attacco, oltre a due dei loro figli: Waseem e Moaaz, di 13 e 7 anni. Le vittime della famiglia al-Sawarka sono state tra i 34 palestinesi uccisi dagli attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza durante due giorni, nel corso di un’escalation di violenze tra Israele e la Jihad Islamica il mese scorso.

False affermazioni israeliane

Le due parti hanno iniziato a scambiarsi attacchi in seguito all’uccisione da parte di Israele del comandante in capo della Jihad Islamica Bahaa Abu al-Ata a Gaza. Come risposta la Jihad Islamica ha lanciato razzi nel sud di Israele, e l’esercito israeliano ha affermato di aver contato più di 350 proiettili.

Un cessate il fuoco, che sarebbe stato mediato dall’Egitto, è stato dichiarato la mattina dopo che è stata colpita la famiglia al-Sawarka.

Mohamad Awad, membro della tribù beduina al-Sawarka e vicino di casa della famiglia, ha detto ad Al Jazeera che il bombardamento israeliano è stato un “crimine di guerra” perché Rasmi e suo fratello Mohammed erano civili e non avevano niente a che vedere con alcun gruppo armato.

Allevavano pecore e sbarcavano a fatica il lunario prima di essere uccisi,” ha affermato.

Awad nega le affermazioni dell’esercito israeliano secondo cui Rasmi sarebbe stato un membro della Jihad Islamica, e sostiene che era un impiegato del governo dell’Autorità Nazionale Palestinese (ANP) con sede a Ramallah.

Awad ha chiesto alle organizzazioni internazionali per i diritti umani di fare un’inchiesta sui “crimini israeliani” contro palestinesi innocenti.

Il mondo non può rimanere in silenzio riguardo ai crimini israeliani contro di noi,” afferma.

L’esercito israeliano ha detto di stare svolgendo un’indagine sull’incidente e su “danni causati a civili.”

Subito dopo l’attacco il portavoce dell’esercito israeliano Avichay Adraee ha sostenuto su Twitter che l’attacco aveva preso di mira il capo di un’unità per il lancio di razzi della Jihad Islamica, che ha identificato come Rasmi Abu Malhous.

“Rasmi Abu Malhous, dirigente della Jihad Islamica e comandante dell’unità lanciarazzi nella brigata della parte centrale di Gaza è stato il bersaglio della scorsa notte nell’attacco contro Deir al_Balah,” ha detto Adraee.

Il quotidiano israeliano Haaretz ha citato un ufficiale dell’esercito israeliano che avrebbe detto che le affermazioni di Adraee sarebbero state basate su false notizie diffuse in rete.

Awad afferma che ora sta aiutando l’associazione israeliana per i diritti umani B’Tselem a raccogliere prove e a documentare testimonianze dirette per fare un’indagine sul bombardamento.

Un dirigente di B’Tselem ha detto a Al Jazeera che l’incidente è sottoposto ad indagine.

Miracolo

Awad dice che è stato un “miracolo” che molti dei bambini siano sopravvissuti: “Dio ha visto sulla terra quei bambini e li ha salvati,” sostiene.

Dopo il bombardamento è andato a cercare suo cugino e i bambini, e in mezzo a un fumo denso ha sentito il rumore sordo del pianto di un bambino sotto le lamiere contorte.

Dice di aver tolto di mezzo i detriti e di aver trovato Farah, la bimba di un mese e mezzo di Rasmi, stesa sulla sabbia e coperta da una lastra di lamiera.

Farah stava piangendo quando l’ho presa in braccio, ed era incolume,” afferma. “Dio ha salvato quella bimba.”

Tutti i bambini della famiglia al-Sawarka sopravvissuti ora si trovano presso parenti e sopravvivono grazie agli aiuti di organizzazioni umanitarie.

La Striscia di Gaza è sottoposta da più di un decennio a un blocco congiunto di Israele ed Egitto che ha seriamente limitato la libertà di movimento dei suoi due milioni di abitanti.

(traduzione dall’inglese di Amedeo Rossi)