Non punire i rifugiati palestinesi per il malfunzionamento dell’UNRWA

Share on FacebookTweet about this on Twitter
image_pdfimage_print

Yara Hawari

1 agosto 2019 – Al Jazeera

All’inizio della settimana un rapporto etico interno riguardo all’Agenzia ONU per il Sostegno e il Lavoro (UNRWA) per i rifugiati palestinesi è stato fatto filtrare sia ad Al Jazeera che all’agenzia di notizie AFP. In base a testimonianze di ex-dipendenti e dipendenti, come anche a una serie di altri documenti che le confermano, il rapporto dettaglia gravi abusi di autorità all’interno della dirigenza dell’agenzia.

Cosa più importante, esso accusa il commissario generale Pierre Krahenbuhl ed altri della sua cerchia ristretta di essere “coinvolti in scorrettezze, nepotismo (e) rappresaglie.” Il rapporto nota anche che la situazione è peggiorata nel 2018, in seguito alla decisione degli Stati Uniti, il principale donatore dell’UNRWA, di tagliare i finanziamenti all’agenzia. Ciò ha consentito ai dirigenti di giustificare “un’estrema concentrazione del potere di decisione nelle mani dei membri della ‘cricca’…un incremento dell’inosservanza delle regole dell’agenzia e delle procedure stabilite, con l’eccezione che è diventata la norma, e continui viaggi troppo frequenti del commissario generale.”

Molti palestinesi non sono rimasti particolarmente stupiti dal contenuto trapelato del rapporto. Nel corso degli anni abbiamo sentito molti aneddoti sulla cultura piuttosto problematica di abusi e irregolarità perpetrati dal ben pagato personale straniero dell’UNRWA e di altre agenzia dell’ONU.

Oltre a nepotismo e abuso di potere, ci sono gravissimi problemi nella distribuzione delle scarse risorse economiche destinate a questi enti. Per esempio, in tempi di austerità, i programmi di supporto vengono in genere tagliati prima dei salari del personale straniero e dei dirigenti.

Funzionari di alto livello sono anche ben noti per essersi impegnati in una serie di azioni ipocrite, compreso il fatto di aver affittato a Gerusalemme (soprattutto nel quartiere popolare di Musrara) case rubate ai rifugiati palestinesi nel 1948 e di aver consentito al negozio duty free dell’ONU di vendere prodotti delle colonie israeliane illegali, come il vino israeliano prodotto nelle Alture del Golan occupate.

Questo tipo di comportamenti scorretti, tuttavia, non è una peculiarità dell’UNRWA ed è stato denunciato in altre agenzie dell’ONU e in grandi organizzazioni umanitarie. Le rivelazioni del rapporto sono sicuramente condannabili e i responsabili non dovrebbero rimanere impuniti. Ma ciò non significa che l’UNRWA debba essere privata dei fondi o chiusa.

L’UNRWA, in quanto agenzia rivolta esclusivamente ai rifugiati palestinesi, ha uno status e una funzione particolari. Venne fondata nel 1949 per fornire assistenza ai palestinesi espulsi dalla loro patria in seguito alla creazione dello Stato di Israele. Ora opera in Cisgiordania, a Gaza, in Giordania, in Libano e in Siria, e fornisce educazione primaria e secondaria, servizi sanitari e vari progetti per infrastrutture nei campi a circa 5 milioni di palestinesi. Dà anche lavoro a 30.000 persone, per lo più palestinesi.

Il mandato all’UNRWA perché si occupi dei rifugiati viene periodicamente rinnovato in attesa dell’applicazione della risoluzione 194 dell’ONU, che afferma il diritto dei rifugiati palestinesi a tornare nelle proprie case e a ricevere un giusto indennizzo.

Per molti l’agenzia non è solo un’importante ancora di salvezza, ma anche un ente ufficiale che protegge dalle potenze che vogliono abolire il diritto dei palestinesi al ritorno.

Infatti, da quando Donald Trump ha assunto la presidenza, i tentativi di obbligare i rifugiati palestinesi a rinunciare al proprio diritto al ritorno hanno subito un’accelerazione. Gli attacchi all’UNRWA sono stati incessanti e questo rapporto fatto filtrare ha soffiato sul fuoco.

L’ex-ambasciatrice USA all’ONU Nikki Haley ha rapidamente commentato il rapporto affermando che questa era “esattamente la ragione per cui noi (gli USA) abbiamo smesso di finanziarla”, mentre l’inviato di Trump per il Medio Oriente, Jason Greenblatt, ha twittato l’articolo di Al Jazeera, affermando che “il modello dell’UNRWA è difettoso/insostenibile e basato sull’espansione infinita dei beneficiari.” 

Nessuna di queste affermazioni è vera: il finanziamento è stato tagliato per punire collettivamente i palestinesi e la loro dirigenza e il malfunzionamento dell’UNRWA non è peggiore di quello di qualunque altra agenzia dell’ONU.

Gli USA stanno traendo ispirazione da Israele, che, da quando è stato fondato, ha cercato di eliminare il diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi. All’inizio di quest’anno, per esempio, il governo israeliano ha annunciato che avrebbe chiuso le scuole gestite dall’UNWRA nella Gerusalemme est occupata, che forniscono servizi a oltre 3.000 minori palestinesi, violando chiaramente la convenzione sui rifugiati del 1946. Nir Barkat, l’allora sindaco israeliano di Gerusalemme, ha sostenuto che avrebbe “messo fine alla menzogna del problema dei rifugiati palestinesi.”

Evidentemente nelle più alte sfere dell’UNRWA è all’opera una cultura sistematica di irregolarità che deve essere affrontata e contrastata. Tuttavia questo rapporto non può e non dovrebbe portare ad ulteriori tagli ai finanziamenti. Alla luce di questo rapporto sia Olanda che Svizzera hanno scorrettamente sospeso l’aiuto all’agenzia.

I milioni di rifugiati e di dipendenti palestinesi, molti dei quali stanno lottando per mantenere le proprie famiglie, non dovrebbero essere puniti collettivamente per le violazioni e l’egoismo dei massimi dirigenti dell’UNRWA, molti dei quali sono stranieri.

Chiamare a rispondere i responsabili per la cattiva gestione dell’agenzia è fondamentale, anche se molti temono che le persone potenti denunciate in questo rapporto verranno semplicemente riciclate all’interno del sistema dell’ONU, solo per continuare il proprio comportamento scorretto in un’altra agenzia.

Nel contempo l’attenzione dovrebbe essere rivolta ai sette milioni di palestinesi che vivono un perpetuo esilio dalla loro patria, molti dei quali devono affrontare un’ulteriore espulsione. Sono il loro benessere ed il loro diritto al ritorno che dovrebbero essere in cima alle considerazioni dei donatori.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

Yara Hawari è l’esperta di politica sulla Palestina di Al-SHabaka, la rete di politica palestinese.

(traduzione di Amedeo Rossi)