Per chiunque abbia radici palestinesi come me, la serie comica di Netflix Mo è una TV rivoluzionaria

Mo Amer Foto : Netflix
image_pdfimage_print

Arwa Mahdawi

31 agosto 2022 – The Guardian

Sono atea, ma sono sicurissima di aver assistito ad un miracolo grazie al comico palestinese-americano Mo Amer. La sua nuova semi-autobiografica serie comica Mo è divertente e, non importa quale sia il tuo vissuto, io garantisco che nella serie troverai molto in cui identificarti. Se sei di discendenza palestinese come me, Mo è molto più che solo una risata: è un pezzo di TV rivoluzionaria.

La Palestina non è esattamente un tema principale nella cultura popolare. Se senti questa parola con la P in televisione è usualmente durante le notizie e di solito non è niente di positivo. E’ lo stesso per gli arabi in generale, naturalmente. Se siamo in televisione, noi siamo usualmente dei terroristi. E anche se non siamo demonizzati, tendiamo ad essere una barzelletta – non le persone che dicono le barzellette. I palestinesi, comunque, sono disumanizzati su tutto un altro livello. Non puoi neanche pronunciare questa parola con la P senza che ciò causi problemi: un conduttore della Canadian Broadcasting Corporation una volta dovette scusarsi per aver usato il termine Palestina (invece di “territori palestinesi”), per amor di Dio. Essere palestinese significa sentirti dire costantemente che non esisti o essere accusato da certe voci pro-Israele di essere antisemita solo perché tu affermi che esisti. Io ho scritto solo una manciata di articoli sull’essere palestinese; ogni volta che ne presento uno ho attacchi di ansia per giorni per le inevitabili diffamazioni e azioni di troll online dopo la pubblicazione.

Tutto questo è perché Mo, uno show che è orgogliosamente incentrato sull’essere palestinese-americano, ha per me una importanza davvero grande. Sono rimasta a bocca aperta per l’incredulità su ciò che vedevo. Aspetta, ho pensato, stanno veramente dicendo “Palestina” molte volte in un episodio? Hanno veramente appena citato il fatto che gli agricoltori palestinesi hanno i loro olivi bruciati dai coloni israeliani – un fatto ricorrente che i notiziari o evitano o ignorano? Hanno davvero parlato di tutto ciò e reso divertente diffonderlo? Non posso dirti quanto significativo sia vedere i palestinesi trattati con umanizzante buonumore. Grazie per questo Mo.

(traduzione dall’inglese di Gianluca Ramunno)